banner ingiustizia 1
Tribunale della Stadera
 
contro
ABUSI DI POTERE
SOPRUSI SOCIALI
BUROCRAZIA SUPERFLUA
ECCESSI DI LEGGE
DISSERVIZI AMMINISTRATIVI
DENUNCE PUBBLICHE
INGIUSTIZIE
DISEGUAGLIANZE
INIQUITA'

 

 

Per tutti coloro che hanno subito una violazione dei loro diritti all'interno di una qualsiasi struttura sociale, nei servizi al cittadino, nell'ambito della propria sfera familiare o sociale, per abusi di potere, per eccessi di zelo, per inefficienze strutturali ed umane, o semplicemente per portare alla luce dell'opinione pubblica assurdità e problematiche sociali o amministrative vissute nel quotidiano vivere della comunità, l'Accademia di Babele ha costituito un Comitato di lavoro per verificare ed eventualmente agire su ingiustizie di varia natura subite dai cittadini.

 

 

  • Ogni libero cittadino può inoltrare il suo caso alla nostra attenzione.
  • Il Comitato preposto vaglierà i casi più eclatanti e si farà carico di trovare soluzioni adeguate per una eventuale risoluzione.
  • Il Comitato è composto da vari esperti dei settori: legislativo, educazione, economico, religioso, assistenziale, giornalistico, cultura arte e spettacolo.
    I nomi, di dichiarata integrità morale e scevri da interessi di parte, sono tenuti anonimi per motivi di sicurezza e per rischio di influenzabilità da parte del pubblico.
  • Specifiche problematiche, denunce di mala gestione o semplici testimonianze possono essere riportate e dettagliatamente descritte usando il modulo sottostante.
  • Il Comitato provvederà a contattare gli interessati per meglio definire i casi sottoposti.

 

 
barra blu
 
 

 

Cos'è il "Tribunale della Stadera"
La stadera è una bilancia di origine etrusca il cui funzionamento si basa sul principio delle leve. È costituita da una leva a bracci diseguali e da un fulcro che, in genere, si presenta fisso. Sul braccio più lungo, che può recare una o più scale graduate, scorre un peso detto romano; su quello più corto può esservi un piatto per contenere la merce da pesare, oppure un gancio a cui appendere l'oggetto da pesare. Facendo scorrere il romano lungo la scala si raggiunge una posizione di equilibrio nella quale il braccio graduato si porta in posizione orizzontale. Dalla posizione del romano sulla scala si legge dunque il peso cercato.
La similitudine con la bilancia, simbolo di Giustizia, con la sostanziale differenza della riconducibilità del mezzo meccanico ad una comunità più popolare, ha indotto l'Associazione a prendere in prestito la simbologia dell'oggetto, che lascia inalterato il concetto di BILANCIAMENTO, in questo caso sociale. Una giusta causa, un giusto pensiero ha solo un livello di bilanciamento: l'EQUITA', ovvero la virtù che consente l'attribuzione o il riconoscimento di ciò che spetta al singolo in base a una interpretazione umana e non solo letterale della giustizia.

 
Il "Tribunale della Stadera" (TDS) è un'iniziativa della Associazione ONLUS Accademia di Babele, per tutelare e promuovere i diritti dei cittadini nell'ambito dei servizi sociali e civili e per contribuire ad una più umana, efficace e razionale organizzazione del vivere sociale. Il TDS è una rete costituita da cittadini comuni, ma anche da operatori dei diversi servizi e da professionisti, che si impegnano a titolo volontario.
Esso opera mediante una struttura centrale, che coordina le attività della rete e promuove le iniziative nazionali. L'attività è attuata senza fini di lucro.
L'attività del TDS è volta alla ricerca delle soluzioni finalizzate a rimuovere situazioni di sofferenza inutile e di ingiustizia. Non esclude la protesta pubblica e il ricorso all'autorità giudiziaria, ma privilegia l'esercizio dei poteri di interpretare le situazioni, di mobilitare le coscienze, di rimediare agli intoppi istituzionali e infine di conseguire nel più breve tempo possibile i cambiamenti materiali della realtà che permettano il soddisfacimento dei diritti violati.
Fanno parte integrante dell'attività del TDS la promozione e la realizzazione di politiche orientate a far valere il punto di vista dei cittadini nell'ambito della Costituzione.
Il TDM, nel quadro del suo obiettivo generale di contribuire al miglioramento, alla qualità e alla umanizzazione dei servizi, considera propri compiti fondamentali:
  • garantire che ovunque un cittadino abbia necessità di assistenza, consulenza, aiuto per far valere legittime aspettative, esso possa trovare strumenti e opportunità per ottenere la tutela e la protezione dei suoi diritti;
  • promuovere la partecipazione civica, affinché i cittadini stessi siano protagonisti delle azioni di tutela in ambito sociale, sia mediante l'accoglienza nelle attività del TDS, sia mediante l'apertura di spazi di attivismo civico nell'organizzazione associativa.

Cos'è un Tribunale
Il termine tribunale può riferirsi tanto al luogo in cui viene amministrata la giustizia o all'edificio dove hanno sede i giudici (palazzo di giustizia), quanto al giudice stesso, sia in modo generico, che come denominazione di uno specifico organo, per lo più collegiale, e dell'ufficio giudiziario di cui fa parte. Il termine tribunale deriva dal latino tribunal che indicava il palco elevato dove era posta la sella curulis.
Il tribunale nei vari ordinamenti
Attualmente vari ordinamenti, anche non statali (come l'ordinamento canonico o quello internazionale), hanno organi giurisdizionali denominati tribunali, sovente con l'aggiunta di ulteriori termini che ne specificano la competenza (come "tribunale di commercio" o "tribunale militare") o il grado (come "tribunale di prima istanza" o "tribunale d'appello"). In questo caso il termine viene usato con lo stesso valore di corte.
 
 

 

barra blu
 
Descrivi il tuo caso

La Direzione dell'Associazione risponderà appena possibile all'indirizzo email da te indicato, per accertarsi della veridicità e del reale stato di necessità dell'intervento.
La comunicazione del "Recapito telefonico" è facoltativa, ma comunque importante per ricevere tempestivamente le decisioni del Comitato.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy